Verso Reggina-Messina: la lettera di Franco Cleopadre | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Lega Pro

Verso Reggina-Messina: la lettera di Franco Cleopadre

Inserito da on 12 settembre 2014 – 17:21No Comment |

curva_sudDi Franco Cleopadre – Domani sera, dopo circa 7 anni (ultimo derby il 18 Aprile 2007 con vittoria della Reggina per 3-1 con reti di Amoruso (2) e di Bianchi per la Reggina e di Riganò per il Messina) ritorna la sfida tra Reggina e Messina.

Gli esperti, a vari livelli, avrebbero voluto rinviarlo per motivi di ordine pubblico, ma se la paura era questa a cosa sarebbe servito il rinvio? Chi ha la vocazione alla rissa non rinuncia per un rinvio. Ma siamo sicuri che ci sono ancora questi personaggi? Sarebbe molto bello che qualche testa calda dall’una e dall’altra parte, se ne stesse a casa e vedesse la partita in streaming, sul canale digitale sportube.tv. Il tifoso vero, non è uno di loro. Tifoso vero, sinonimo di sportivo, è chi si fa coinvolgere dall’amore per la propria squadra, le riconosce meriti e demeriti, la incita, accetta il verdetto del campo e ritorna a casa con le tonsille scoppiate, ma le mani pulite, non demonizza l’avversario o la sua tifoseria e cerca di vedere l’evolversi degli eventi in maniera oggettiva e non soggettiva.

Molti di noi hanno completato i loro studi a Messina e mai, dico mai, ci siamo sentiti ospiti in terra siciliana. È chiaro che nel derby lo sfotto è ammesso, purché non scantoni nell’insulto o nell’offesa.

Non dimentichiamo che la stampa a livello nazionale, si trasforma in cassa di risonanza, quando accade qualcosa al Sud. Facciamoli rimanere a bocca asciutta, amici reggini e messinesi, non accettiamo provocazioni, forniamo prova di maturità, accogliamo senza rancore il verdetto del campo, atleti in campo, cattiveria agonistica si, cattiveria fine a se stessa no!

La Reggina è reduce dalla vittoria di Pagani ed è su di morale. Lo stesso non può dirsi del Messina che ha rimediato, fin ora, a Barletta la prima sconfitta fuori casa ed un pareggio in casa con la Lupa Roma. La vittoria della Reggina esalterebbe non solo l’ambiente, ma anche la squadra, composta principalmente da giovani, quasi tutti figli del Sant’Agata, a parte il mettere fieno in cascina, in vista dei possibili punti di penalizzazione (per le note vicende pregresse, compresi i recenti impegni assunti con alcuni calciatori, per rescindere il contratto, qualche scadenza è maturata o è in corso di maturazione e sembra sussistano difficoltà per onorarla).

La sconfitta per gli amaranto avrebbe l’effetto di doccia gelata dopo la bella vittoria di Pagani. Sconfitta per il Messina, significherebbe partire con il piede sbagliato, andare incontro ad un altro scivolone, che l’esperto Lo Monaco non si augura, mentre la vittoria potrebbe far rinascere in terra siciliana l’amore per il calcio. Se la squadra del cuore ha pareggiato, “Consoliamoci con Stok”, affermava uno slogan radiofonico degli anni passati.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250