Reggina-Messina: i commenti dei protagonisti | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Lega Pro

Reggina-Messina: i commenti dei protagonisti

Inserito da on 12 settembre 2014 – 22:50No Comment |

Ciccio Cozza allenatore RegginaLe dichiarazioni dei protagonisti di Reggina-Messina dalla sala stampa dello stadio Granillo. Il primo a parlare ai microfoni della stampa è Vincenzo Camilleri, centrale difensivo amaranto.

Ciccio Cozza: “Si parte con convinzione perché oggi abbiamo disputato una buona partita tenendoli sempre nella loro metà campo, ma alla fine chi vince ha sempre ragione. Noi abbiamo giocato e loro hanno vinto. Con loro ho parlato già a fine partita, questo è un incidente di percorso, mi dispiace che è un derby. Cercheremo di far tesoro dei nostri errori. dispiace che si siano fatti degli errori, oggi non si doveva sbagliare. Oggi per il pubblico, per quello che c’era allo stadio, credo che non meritavamo una sconfitta. Purtroppo oggi gioiscono loro, speriamo in futuro di gioire noi. I problemi sono sempre dietro l’angolo, oggi capita dalla fascia, speriamo che passino. Se uno guarda la rosa 94, 94, 95, credo che la Reggina sia la rosa più giovane del campionato, spero che si superino gli errori e che si sbagli di meno, altrimenti faremo fatica a ripartire. Se avessimo fatto gol con Insigne la partita sarebbe andata diversamente. Il Messina? Siamo due squadre che portano un nome importante, chi ci affronterà lo farà sempre col sangue agli occhi, ma credo che si tratti di due società importanti che possono fare un buon campionato. L’unico rammarico per me è che questo è il primo derby che perdo”.

Vincenzo Camilleri: “Abbiamo ancora molto rammarico, dopo aver fatto noi tutta la partita e aver preso il gol sull’unica vera occasione creata dal Messina. Volevamo regalare una gioia al pubblico che oggi era numeroso. Il derby è molto sentito, dalla città, da noi giocatori, soprattutto da quelli cresciuti al S. Agata, ma è una sconfitta che dobbiamo accettare, mettere alle spalle e andare a Lecce per dimenticarla facendo risultato la. In 90 minuti ci può stare che gli avversari creino una occasione. A loro è andata bene con Orlando, a noi male con Insigne, ma non è questo il calcio. Non dobbiamo parlare degli episodi. Noi alla fine eravamo molto tristi, perché lo sentivamo e perderlo così ci ha fatto molto male. Ma adesso andremo avanti, partendo proprio da Lecce per cercare di fare risultato”.

Gianluca Grassadonia: “Noi abbiamo fatto la nostra partita. Abbiamo lottato contro calciatori che potevano metterci in difficoltà, Di Michele, Insigne, Dall’Oglio. Noi abbiamo fatto la partita della determinazione, difendendoci e dando ordine alla squadra. Tutti i calciatori che sono a Messina lo sono di comune accordo, tra staff tecnico e società. Nessuno è venuto contro la volontà di qualcuno. Orlando è stato con me per cinque anni, e lo conosco bene. Adesso dobbiamo far si che gli altri raggiungano la condizione e possano rendersi utili. Il tempo è con noi e la condizione può solo migliorare”.

Luca Orlando: “Ho fatto un bel gol, ma sono giovane per raccontarlo ai nipotini, lo racconterò ai miei genitori e alla mia ragazza. Abbiamo fatto la nostra partita, e sapevamo che poteva capitare una occasione dal primo all’ultimo minuto. Avevamo preparato la gara in maniera più offensiva, ma sapevamo che contro la Reggina avremmo potuto chiuderci spinti dalla Reggina e dal loro tifo. In settimana mi hanno fatto capire l’importanza di questa gara, e io cerco di rendermi utile. Dedico il gol al nostro presidente Torrisi che in settimana ha perso il papà. Loro sono stati bravi, soprattutto con Insigne nel primo tempo, poi nella ripresa le occasioni sono state minori per noi e per loro. Da parte nostra c’è stata bravura e fortuna a mettere dentro la palla. Ringrazio sempre il mister per la fiducia che ripone in me, avendomi allenato dalla Berretti. I movimenti che faccio, me li ha insegnati lui. Ad inizio partita sono andato sotto la curva per dire ai tifosi di incitarci fino al 90′, credo che l’abbiano fatto anche oltre”.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , , , , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250