Cosenza-Reggina, Alberti: “Adesso salvarsi per ripagare le sconfitte nei derby”

Dopo la brutta battuta di arresto per la Reggina nel derby di Cosenza, le parole dei due tecnici, Alberti e Roselli.

Alberti: “Abbiamo subito la loro forza, i loro centimetri, e un pizzico di paura non ci ha consentito di fare quello che sappiamo fare, nella ripresa siamo scesi in campo più convinti, ma non siamo stati fortunati. Non è una partita che cambia i nostri obbiettivi. Certo è una partita in meno, ma da qui alla fine quello che dovremo fare non cambia. Mi spiace soprattutto per il derby perso, ma credo che alla fine la salvezza ripagherà i tifosi delle delusioni dei derby persi. Nel primo tempo non c’è stato nessuno da salvare. Siamo rimasti negli spogliatoi. Non abbiamo sbagliato dal punto di vista della preparazione, ma abbiamo avuto paura. Insigne fa parte della rosa, ha bisogno di recuperare la forma, lo stiamo aspettando. Noi in questo ultimo periodo avevamo fatto anche punti, oltre che ottime prestazioni. Non dimentichiamo che comunque la classifica è uella perché la squadra qualche problema ce l’ha. adesso dobbiamo capire come mai abbiamo avuto questa battuta d’arresto, da domeni torneremo al lavoro per fare meglio. Di Michele è un giocatore importante, ci aspettiamo molto da lui. Se siamo stati capaci di fermare la terza forza del campionato, credo che la squadra possa fare di più. Adesso dovremo lavorare per capire come mai oggi non abbiamo giocato come sappiamo”.

Roselli: “Una buona partita che volevamo vincere, l’abbiamo vinta con un buon primo tempo. La Reggina era ferita ha cercato di farsi sotto, poi nel secondo tempo abbiamo fatto il secondo gol e l’abbiamo chiusa. Oggi più che della vittoria, sono contento della prestazione che abbiamo fatto. Oggi abbiamo vinto facendo una prestazione maiuscola. Vedere i ragazzi reagire così dopo una sconfitta, credo sia il massimo che possa capitare. Raggiungere la salvezza è il minimo per poter programmare il futuro, senza non si può programmare”.

Fonte radio touring