Reggina-Matera 2-6: le parole dei protagonisti. Zeman: “è mancato l’orgoglio”. | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Lega Pro

Reggina-Matera 2-6: le parole dei protagonisti. Zeman: “è mancato l’orgoglio”.

Inserito da on 23 ottobre 2016 – 23:14No Comment |

Le parole dei protagonisti di Reggina-Matera terminata con un tennistico 2-6 a favore degli ospiti.

Al termine delle interviste, il presidente Mimmo Praticò si lamenta per i fumogeni che potrebbero costare una molta alla società: “Non per i soldi, ma perché non aspettiamo la fine della gara e festeggiamo tutti assieme dopo la fine della partita?”

Karel Zeman: “Chiaro che sia coincisa la nostra peggiore prestazione con la forza dell’avversario ha portato al risultato che credo che anche se secondo me per mezz’ora abbiamo fatto la nostra partita, fino al gol annullato, poi abbiamo mollato e potevamo prendere anche più gol di quelli presi. Oggi dal punto di vista tecnico e tattico loro si sono dimostrati superiori a noi. La miglior Reggina se la sarebbe potuta giocare, ma oggi ci è mancata anche la grinta. Oggi c’erano due tipo di atteggiamento che potevamo tenere. aggredirli fino ai loro difensori centrali oppure aspettarli con il 4-5-1. Essendo andati subito sotto, le nostre ali non tornavano e li aspettavamo, ma in 7 e loro avevano gioco facile. Oggi abbiamo pensato di essere troppo bravi, più di quello che siamo. Oggi è mancato l’orgoglio perché 2-4 non è come un 2-6 davanti al proprio pubblico. Loro hanno avuto più campo. Credo che l’assenza di Kosnic abbia pesato, ma non credo che per un solo difensore possa pesare così tanto. Sarebbe grave. La lezione subita, anche se avremmo voluto evitarla è stata salutare. Adesso andremo a Vibo cercando di vincere”.

Gaetano Auteri: “Non esiste una partita come questa in bilico. Sbagliamo nella malizia, nella interpretazione della gara. non possiamo sempre giocare a calcio così. Sono arrabbiato non sono lucido, ma sono arrabbiatissimo. Onore alla Reggina che l’ha giocata e l’ha tenuta aperta fino al 90′. Per fare il salto di qualità ci manca la malizia, serve non dare vantaggi agli avversari. Questa squadra deve capire che deve fare un salto di qualità e lo farò capire ai miei a randellate sui denti. Complimenti alla Reggina, ma noi abbiamo sbagliato tanto. Se non miglioriamo, non possiamo mandare messaggi a nessuno. Si deve fare un salto di qualità mentale., abbiamo perso giocando bene con Foggia e Catania. Abbiamo regalato i punti al Siracusa. Sono incazzato, questi sono limiti che fanno parte del bagaglio del gruppo. Dobbiamo migliorare sennò non ne faremo tanta di strada”.

Claudio Coralli: “Mi scuso con i tifosi e con la società. Abbiamo mollato a un quarto d’ora dalla fine e abbiamo preso 6 gol. Ho visto un buon Matera, ma noi siamo stati rinunciatari. Penso che si debba mollare al 95′. Dobbiamo adesso guardare le partite e evitare di ripetere gli stessi errori. Sul 2-3 abbiamo avuto una occasione che non abbiamo sfruttato. Gli errori non sono dei difensori o dei centrocampisti, perché la difesa comincia dagli attaccanti. Forse dovevamo stare più stretti noi punte e stare più dietro, abbiamo giocato a viso aperto e abbiamo preso 6 gol. La curva è stata fantastica, pensavo di prendere dei fischi, invece degli applausi. Ma non dobbiamo cullarci e dobbiamo reagire contro la Vibonese. Penso che siamo stati in campo fino al 2-3, poi abbiamo mollato e non so perché Non li avevo mai presi in carriera ed è una bella batosta”.

Marco Armellino: “Il mister ci rimprovera sempre. A volte penso lo faccia per tenerci sul pezzo. Lui ci rimprovera i gol presi. Non è facile venire a Reggio e fare la partita. Lui vuole sempre il massimo e noi glielo stiamo dimostrando. Sappiamo di essere una buona squadra punteremo ai playoff, lavorando e dimostrando il nostro valore. I primi due anni qui sono stati belli. L’ultimo è stato difficile ma mi ha aiutato a crescere”.

Adriano Louzada: “Per me questa partita era particolare. La Reggina mi ha fatto diventare calciatore. Alla fine la Reggina mi ha lasciato segnare allargandosi. Sono contento per il gol e dispiaciuto per la Reggina, perché ci tengo. Pensiamo a fare ogni partita e giocare per vincere, ce la giocheremo con tutti”.

Reggina-Matera 2-6 (Squadra sotto la curva)

Reggina-Matera 2-6 (Squadra sotto la curva)

Fonte: Radio Touring

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250