Reggina-Fidelis Andria 0-0. Un pareggio poco utile per gli amaranto. | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Lega Pro

Reggina-Fidelis Andria 0-0. Un pareggio poco utile per gli amaranto.

Inserito da on 10 dicembre 2016 – 19:29No Comment |

In campo sotto le luci artificiali dello stadio Granillo Reggina e Fidelis Andria si sfidano per la gara valida per la 18esima giornata del girone C della Lega Pro. Gli uomini guidati da mister Zeman attaccano sotto la curva Sud. La Reggina gioca in completo amaranto e calzoni neri, gli ospiti in maglia bianca e pantaloni blu.

La Fidelis Andria occupa la sesta posizione nella classifica del girone, e parte con i favori del pronostico trovandosi di fornte una Reggina, che suo malgrado occua la penultima casella della classifica.

PRIMO TEMPO: La Reggina parte meglio degli ospiti in avvio di gara. Le azioni amaranto di snodano sul lato sinistro del campo, occupato dalla coppia Botta De Francesco, aiutati da Bangu.

Ammonito Porcino al 6′ per un fallo ai danni di Onescu che si stava involando nella metà campo amaranto. La Reggina gioca con molta attenzione concedendo poco agli avversari che comunque fanno poco per creare pericoli alla retroguardia amaranto. Al 17′ Gianola per poco non combina un patatrac: su una punizione dalla tre quarti amaranto, proprio davanti alla panchina di Zeman, calcia un pallone che viene intercettato da Fall che completamente solo si accentra e lascia partire un pallone che fortunatamente per la Reggina colpisce Kosnic. Gli ospiti avrebbero potuto sfruttare meglio l’occasione che la difesa amaranto gli hanno servito su un vassoio d’argento.

La Reggina si rende pericolosa al 26′ su azione d’angolo. Dopo una respinta in area, Botta, oggi capitano, calcia dal limite dell’area ma il pallone termina fuori. Poluzzi non ha dovuto compiere neanche un intervento fin’ora. Poco dopo, al 30, Botta crossa in area sugli sviluppi di un calcio d’angolo: Bianchimano è vicino al pallone, ma il portiere ospite arriva per primo sulla sfera. La Reggina gioca ordinatamente e con la giusta concentrazione. Dopo le brutte prestazioni delle scorse settimane e le polemiche che ne sono seguite, la squadra sembra tornata a girare come nelle prime giornate.

Al 34′ la prima occasione degna di nota della gara: Cruz colpisce dal limite dell’area ma Sala si fa trovare pronto e respinge la conclusione dell’ex Hinterreggio. Percussione ospite al 39′: il cross di Tito, viene deviato da Kosnic, Sala fa buona guardia e blocca a terra. Sulla ripartenza, la Reggina guadagna una punizione da circa 30 metri, che però viene sfruttata male della squadra amaranto.

Dopo circa un minuto di recupero, l’arbitro decide di mandare le due squadre negli spogliatoi. Il ptimo tempo termina a reti inviolate con i due portieri pressoché inoperosi e ritmo di gara molto basso.

SECONDO TEMPO: In avvio di ripresa la Reggina conquista un calcio d’angolo con Cane, che tira al volo dopo una respinta ospite. La Reggina continua a sfruttare poco e male le poche occasioni che riesce a costruire. Al 50′, sugli sviluppi di un calcio piazzato, Bianchinamo si trova il pallone sulla testa a pochi passi dalla porta di Poluzzi, ma non trova il tempo per la deviazione nello specchio. Dietro di lui Bangu che forse era in posizione migliore per concludere a rete. Al 59′ Botta cnclude a rete dal limite dell’area. Poluzzi devia in angolo. Nell’azione seguente nuova conclusione verso la porta da parte della Reggina, sul quale l’estremo difensore ospite per poco non compie un disastro: la palla gli stava per sfuggire dalle mani per entrare nella porta sguarnita.

Al 65′ entra per gli ospiti Minicucci. Nemmeno un minuto dopo De Francesco si presenta al tiro dal limite dell’area. Il calciatore amaranto riesce a tenere basso il pallone ma la conclusione viene respinta dal muro difensivo ospite. Cambio di Zeman subito dopo, che al 68′ inserisce Tripicchio per Tommasone. La ripresa si gioca su ritmi decisamente più alti dei primi 45 minuti di gioco. Le due squadre  giocano a viso aperto e nei contrasti non se le mandano a dire. Proprio da uno di questi contrasti, nasce la doppia ammonizione di Aia e Bangu che non si risparmiano scorrettezze reciproche dopo il fischio del direttore di gara.

Al 75′ sugli sviluppi di una calcio di punizione la retroguardia amaranto di fa trovare impreparata e lascia starita da soloi in area col pallone. Ottimo recupero di Bangu che impedisce la conclusione e ruba il pallone all’attaccante ospite che poi lo scalcia da dietro beccandosi il giallo. Incredibile disattenzione difensiva al 78′: Sala su un pallone alzato al centro dell’area accenna l’uscita ma si fa anticipare dagli attaccanti  in maglia bianca. Dalla serie di rimpalli che ne vengono fuori la Reggina spazza il pallone e per fortuna non subisce la marcatura. 79′ Cambio di Zeman: Bangu lascia il posto a Romanò. Bangu fino al momento è stato il miglire in campo.

Accelerazione improvvisa della Reggina che all’88’ da un calcio piazzato, preferisce l’azione manovrata e arriva al cross in area con De Francesco. Il pallone batte sulla spalla di un difensore ospite e per poco non sorprende Poluzzi, bravo a bloccare il pallone a terra sulla linea di porta. Al 90′ ennesima discesa in attacco della Reggina che arriva in area ma non riesce a creare pericoli. Poco dopo ammonito Roanò, che interrompe la successiva ripartenza ospite. al 93′ occasionissima ospite con Cruz, che colpisce di testa da posizione ravvicinata anticipando Gianola. Si tratta dell”ultima occasione della partita che finisce infatti dopo 3 minuti di recupero tra i fischi del poco pubblico presente allo stadio Granillo.

Per la Reggina si tratta di un piccolo passettino in una classifica davvero troppo deficitaria. Gli ospiti hanno giocato una buona gara, ma nel complesso possiamo dire che non si sono viste differenze tra le due formazioni, considerando la posizione occupata dalle due squadre i classifica.

TABELLINO

REGGINA – FIDELIS ANDRIA 0-0

REGGINA: Sala, Gianola, De Francesco, Botta, Kosnic, Porcino, Cane, Bianchimano (91′ Lancia), Bangu (79′ Romanò), Possenti, Tommasone (68′ Tripicchio) All. Zeman

FIDELIS ANDRIA: Poluzzi, Tartaglia, Aya, Rada, Piccinni, Fall (70′ Starita), Matera, Colella, Cruz, Tito, Onescu
All. Favarin

Arbitro: Andreini di Forlì – Assistenti: Zambelli di Finale Emilia e Pappalardo di Parma

Ammoniti: Porcino, Aia, Bangu, Starita, Romanò

Reggina-Fidelis Andria

Reggina-Fidelis Andria

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250