Serie D, Reggina-Frattese 0-0, Licastro para un rigore | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Serie D

Serie D, Reggina-Frattese 0-0, Licastro para un rigore

Inserito da on 2 marzo 2016 – 14:34No Comment |

In campo Reggina e Frattese, per la gara valida per la trentesima giornata della Serie D, girone I.

La Reggina è chiamata a una prestazione importante contro la capolista.

Reggina in campo in completo bianco, ospiti nella classica divisa nera con inserto bianco. La formazione messa in campo da Cozza, per la prima volta al Granillo aiutato da Ivan Franceschini, presenta la novità Castaldi dal primo minuto. Poca presenza di pubblico sugli spalti, complice la giornata infrasettimanale e il tempo non proprio clemente.

Nei primi dieci minuti, assistiamo ad una fase di studio, in cui le due squadre pensano più a controllarsi a vicenda che ad attaccare. Si registrano molti errori tecnici su passaggi e controlli di palla, nonostante non si giochi a ritmi alti.

Al 16′ La prima vera azione pericolosa della gara, quando Longo dopo una bella azione personale sulla fascia sinistra, entra in area e lasciato libero di calciare, conclude a rete. La palla termina di poco a lato.

A metà del primo tempo, l’ambiente sugli spalti si scalda per via di alcune decisioni dubbie prese dall’arbitro, che non concede un fallo evidente a favore della Reggina e subito dopo inverte ancora un paio di decisioni, sempre a sfavore dei padroni di casa. Pochi minuti prima, il direttore di gara ha richiamato il tecnico amaranto Cozza per proteste.

“Sciopero del tifo” da parte dei sostenitori amaranto, che sono stati colpiti da numerosi DASPO, per cui si assiste alla gara in un silenzio surreale. Sono stati tolti tutti gli stiscioni in curva e in gradinata, lasciando un unico striscione che recita: “01 03 16 Colpevoli di amare!”. Anche la decina di tifosi provenienti da Frattamaggiore assistono alla gara in silenzio.

Incredibile al 37′ quando l’arbitro inventa l’ennesimo commesso da Tiboni, e alle proteste del giocatore lo ammonisce. Una prestazione dell’arbitro ai limiti del surreale.

Al 41′ e al 44′ l’arbitro ha finalmente fischiato due falli ai danni degli ospiti. In entrambe le occasioni il direttore di casa ha estratto il cartellino giallo agli autori del fallo. Si tratta di Capaldo e Vacca. Nella seconda occasione gli amaranto sprecano un calcio di punizione da buona posizione, quando Corso calcia debolmente e alto sulla traversa. Alla ripresa del gioco, il fischietto di Udine manda le due squadre negli spogliatoi.

Al rientro dagli spogliatoi la squadra di Cozza appare molle e subisce molto le iniziative degli uomini di mister Liquidato. Ma dopo i primi minuti di black out, è proprio la Reggina a creare due palle gol nitide: la prima con Maesano che è bravo ad arrivare al limite dell’area per poi sbagliare l’ultimo passaggio scegliendo di servire il marcato Oggiano per il più libero Tiboni. Poco dopo è lo stesso Tiboni a girare un buon pallone che taglia l’area piccola, ma la difesa in maglia nera è brava a liberare.

Continua ad essere di marca amaranto la ripresa, con gli uomini di Cozza che non sono in grado di concludere le buone azioni gol create. Ma al 30′ una topica della difesa costa un calcio di rigore a favore degli ospiti. De Bode, che chiama un fuorigioco inesistente e, prima si ferma a protestare, poi con una entrata scomposta causa il rigore per la Frattese. Molto bravo nell’occasione Licastro a parare il tiro dagli undici metri di Celiento. Tra il fallo e il tiro dal dischetto in campo succede un po’ di tutto, con la panchina della Frattese che si scontra verbalmente con qualche tifoso in tribuna. Uno dei dirigenti è stato allontanato dal terreno di gioco.

Quando la Reggina rimante in superiorità numerica, non riesce a superare il muro eretto da Liquidato a difesa della porta protetta da Rinaldi. Ma sono davvero poche le soluzioni offensive messe in pratica dagli uomini in maglia bianca. La Reggina manca di concretezza in attacco. Non sempre la giocata dei singoli riesce a sopperire alle mancanze tattiche e la classifica alla lunga ne sta risentendo.

Un capitolo a parte, oggi, lo merita la terna arbitrale. Se il direttore di gara e l’assistente sotto la gradinata riescono nel corso della parte finale della ripresa a correggere una direzione di gara disastrosa, l’assistente sotto la tribuna, non ha azzeccato un fuorigioco, che fosse uno, fermando tutte le possibili azioni di rimessa della squadra amaranto. Proprio grazie alla direzione di gara disastrosa, la partita si infiamma nel finale, quando De Bode, commette un fallo in area sanzionato col calcio di rigore, e alcuni elementi tra la panchina ospite vengono a contatto con il pubblico decisamente arrabbiato per la decisione dall’arbitro. Va detto che il fallo è apparso evidente, ma è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso dopo una lunga serie di errori commessi a senso unico. Soltanto dopo, la direzione di gara assume un andamento più corretto ed equilibrato.

TABELLINO

Reggina-Frattese: 0-0

Reggina: Licastro, Maesano, Castaldi, Roselli, De Bode, Corso, De Marco (23′ st. D’Ambrosio), Forgione (23′ st. Zampaglione), Tiboni, Oggiano (46′ st. Pelosi), Lavrendi.
A disposizione: Ventrella, Cucinotti, Villa, Brunetti, D’Ambrosio, Pelosi, Foderaro, Zampaglione, Cane.
Allenatore: Ciccio Cozza.

Frattese: Rinaldi, Capaldo, Della Monica, Vacca, Barbato, Varchetta, Ammaturo, Liccardo, Longo, Marotta, Celiento (39′ Tommasini).
A disposizione: Esposito, Di Nardo, Tommasini, Calamaio, Acampora, Maggio, Angelillo, Selva, Sorriso.§
Allenatore: Stefano Liquidato.

Arbitro: Zufferli di Udine Assistenti: Conti di Acireale e Musumeci di Catania

Ammoniti: Tiboni, Capaldo, Vacca, Longo, Barbato, Castaldi,

Espulsi: Vacca

Recuperi: 6′ st.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250