Reggina-Pescara: Sala stampa LIVE | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Serie B

Reggina-Pescara: Sala stampa LIVE

Inserito da on 25 ottobre 2013 – 23:38No Comment |

CastoriDichiarazioni post partita dei protagonisti di Reggina-Pescara.

Parlano Pasquale Marino, allenatore del Pescara, Ragusa, ex della gara, Poi Sbaffo, Rigoni e ovviamente Fabrizio Castori.

Marino: “Gli avversari non ci hanno impensierito. Entrambi abbiamo pensato ad amministrare la gara. Non penso alla classifica, abbiamo superato una gara. siamo stati penalizzati in passato anche per colpa nostra. viviamo alla giornata. Alla fine la nostra ansia ci ha fatto abbassare e abbiamo preso un gol su calcio piazzato dove abbiamo dei limiti. Ho un buon rapporto con i miei giocatori, le prestazioni non sono mai mancate, e lo sanno tutti, la società il presidente. quando vanno male le cose si mette un po’ tutto in dubbio. Traballavamo entrambi, io e Atzori, anche se io non ho mai avuto la sensazione che la società pensasse di esonerarmi. Non posso giudicare in casa di altri. il nostro lavoro è questo. la Reggina avrà avuto le sue ragioni. Quando si gioca con una posizione in classifica come la nostra, si gioca male, la palla è pesante”.

Ragusa: “Siamo stati bravi a non crollare dopo aver subito il gol. Per la Reggina è difficile davanti al proprio pubblico, che magari non ti perdona ogni minimo errore. Sogno di ripetere il campionato in amaranto, grazie al quale sono arrivato in nazionale. La Reggina ha un buon organico, deve solo trovare i giusti movimenti. Abbiamo abbracciato Marino perché siamo tutti con lui. Adesso grazie a questa vittoria possiamo guardare avanti con più tranquillità”.

Castori: “Possiamo far meglio, di più e meglio. Non siamo stati nemmeno fortunati. Abbiamo subito un rigore e un’autorete. Poi ci siamo scollati un attimo prima di rimettere in campo il cuore. Abbiamo avuto 10 minuti di blackout che hanno compromesso il risultato. Aver cambiato l’atteggiamento tattico richiede un po’ di tempo. non butto tutto, perché c’è voglia di migliorare. Se avessimo giocato meglio all’avvio del secondo tempo avremmo potuto chiuderla. Su questo faremo una riflessione. Alla fine abbiamo creduto. ma è chiaro che dobbiamo dare continuità al lavoro. Sbaffo non ha fatto male. poi è calato. Sul rigore la palla gli è scivolata sulla mano. Adejo a sinistra perché in ogni caso, con Foglio e Contessa infortunati, uno a sinistra fuori ruolo ci doveva stare. Qualcosa di positivo c’è. dobbiamo continuare a crederci e a migliorare. i fischi fanno male perché si è perso, ma dobbiamo pensare a lavorare e migliorare“.

Sbaffo: “Il rigore è stato un gesto istintivo, mi sono scusato in campo. mi dispiace. La partita l’avevamo preparata col mister. Non avevamo mai rischiato poi con quel mio errore prendi un gol e in quel momento ci siamo persi e abbiamo preso quei tre gol in 10 minuti. Non avevamo mai sofferto le loro offensive. Loro provavano da 30 metri perché noi non gli davamo spazio. Per me è stata particolare, ma la sentivo come le altre mie partite. Invece di aspettarla una settimana, l’ho aspettata di più. A me dispiace che sono sensibile. Noi comunque non siamo morto, daremo non il 100% ma il 150%. Quando andiamo in campo siam carichi. Anche se gira male, noi ci pensiamo un paio di giorni, ma lunedì saremo carichi come e più di prima. Chi pensa il contrario non ha capito niente. Il modulo non ha inciso. Io non ricordo che il Pescara ci abbia fatto male. Loro avevano un giro palla sugli esterni, ma appena venivano al centro, noi recuperavamo il pallone, era quello che volevamo noi. Avevo bisogno di giocare sono contento che il mister mi abbia dato la possibilità dal primo minuto. C’è delusione e rabbia per la sconfitta. Ma dura poco, poi ripartiamo a mille”.

Rigoni: “Primo tempo sotto controllo, siamo andarti in vantaggio, poi un blackout che in questo momento non ci potremmo permettere, visto che li paghiamo. abbiamo la possibilità di tirarci fuori da questa situazione. Adesso col nuovo allenatore con nuove idee dobbiamo metterci sotto. Ci dispiace anche per la contestazione, capisco i tifosi, che si aspettavano un inizio diverso. dobbiamo remare tutti dalla stessa parte, ci stiano vicini. Siamo sfortunati sulla mia occasione, ma non dobbiamo pensare che sia solo sfortuna. Il modulo è completamente diverso in quattro giorni abbiamo fatto quel che ci ha chiesto, in parte lo abbiamo fatto, ma nessuno ha la bacchetta magica. Prestazione altalenante, ma è difficile quando si gioca 1 partita si e poi 3 no. Di Strasser si aspettavano tutti prestazioni migliori, viene da un periodo dove gioca poco, ma appena torna in condizione dimostrerà quanto vale. La classifica è brutta.”

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250