Reggina-Varese: Sala stampa Live | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » Serie B

Reggina-Varese: Sala stampa Live

Inserito da on 1 marzo 2014 – 17:14No Comment |
Franco Gagliardi, Diego Zanin

Franco Gagliardi, Diego Zanin

Dichiarazioni dei protagonisti del match Reggina-Varese. Ai microfoni della stampa Carmine Gautieri, Mauro Milanese, Manuel Fischnaller, Fabio Lucioni e Franco Gagliardi.

Carmine Gautieri: “Siamo stati bravi a crederci, io alleno la squadra per ottenere grandi risultati anche nelle difficoltà. Oggi abbiamo sbagliato qualcosa sui gol anche se abbiamo vinto. Calil è stato bravissimo oggi a farsi trovare pronto quando l’ho chiamato in causa. Grande tensione anche da parte mia come il mister della Reggina, Ma fa parte del gioco con una grande partita e grande sportività. Onore alla Reggina che in 10 uomini ci ha creduto e anche pareggiato. La Reggina ci ha concesso il contropiede e siamo stati bravi a sfruttare l’occasione e far gol”.

Mauro Milanese: “Abbiamo meritato la vittoria per numero di occasioni. Non mi chiedete cosa avrei fatto in campo, ho troppo rispetto per la Reggina e per i giocatori. Forse si poteva fare anche un fallo da ultimo uomo, forse per la voglia di vincere hanno commesso un errore. Il campionato è lungo e ancora si può recuperare. Si tratterà di avere la testa per lottare fino alla fine. Oggi poteva arrivare qualsiasi risultato.”

Manuel Fischnaller: “Dopo il mio gol volevamo vincere e ci siamo buttati in avanti e ci è andata malissimo. È una partita stranissima. Sul 2-0 all’intervallo, per la prima volta. Poi non so cosa è successo, sicuramente degli errori. Adesso si è perso e avremo tante finali da qui fino alla fine. Il gol del 3-0 sarebbe stato importantissimo, ma per sfortuna è stato deviato. Calil è un ottimo giocatore, ma soprattutto dopo -2-3 siamo riusciti a fare il 3-3 e poi è andata come è andata.”

Fabio Lucioni: “Sta diventando un’ossessione il prendere gol sui calci piazzati. Nonostante il lavoro in settimana, ancora subiamo sui calci piazzati Lo voglio rivedere per capire se c’è stato un errore di linea o cosa. La partita è stata preparata benissimo, e infatti non abbiamo sofferto tantissimo. C’è tanto rammarico e tanta voglia di rifarci già da sabato prossimo. Oggi da un ipotetico 3-0 siamo passati all’inverosimile. Per come era stata preparata la partita c’è tantissimo rammarico e ci dispiace perché ci tenevamo tantissimo a portare a casa i 3 punti che vedendo gli altri risultati sarebbero stati oro colato. Poi succede che vuoi provare a vincere e dai troppo. La squadra voleva portare a casa il bottino pieno e siamo usciti a mani vuote. Hanno cambiato tatticamente mettendo superiorità sulla destra e ci ha messo in difficoltà. Lui è stato bravo a cambiare le sorti della partita e noi non abbastanza bravi a fermarlo. Se pensate che sia facile difendere su certi palloni, mettetevi la maglia voi e fatelo voi. Non sono palloni facili facili, come dite, altrimenti ci fumiamo una sigaretta e difendiamo facile. Qui tutti puntiamo ad un unico obbiettivo. Stiamo male noi come voi. Certo voi siete tifosi siete di Reggio, ma noi con una retrocessione andremmo a bruciare un lavoro che portiamo avanti dal 4 luglio. A vincere o perdere è sempre la squadra. Chiaro che i gol possono venire da errori individuali, ma può anche esserci una difficoltà nel passare dalla difesa a uomo a quella a zona. Adesso stiamo lavorando sulla zona e pur avendo buoni saltatori prendiamo gol. Adesso invece che limitare i danni, stiamo prendendo gol.”

Bjelanovic: “Siamo stati bravi, noi non abbiamo giocato male anche nel primo tempo, sono stati loro bravi a fare i gol. Nel secondo tempo loro pensavano di aver già vinto e si sono abbassati troppo. Sul 3-3 eravamo amareggiati, poi loro si sono sbilanciati e ci hanno regalato il gol della vittoria. Io non ci credevo di essere li davanti da solo, poi Odu è stato molto bravo e freddo a saltare l’uomo e superare il portiere. Loro sono bravi, non tranquilli perché hanno bisogno di punti. Mi spiace per la Reggina. Non sono stato mai vicino alla Reggina, sono solo voci di mercato. Dopo l’espulsione dell’andata oggi ho fatto gol, sono contento.”

Franco Gagliardi: “Si chiude con una sconfitta che lascia l’amaro in bocca, dopo aver rischiato di chiuderla con Di Michele. Su una punizione per noi siamo riusciti a sguarnirci per generosità e inesperienza. Il Varese ha fatto la sua partita, volevano dare tutto comportandosi da professionisti. Maicon non ha chiuso due vole il terzo gol e poi anche Di Michele. Una buona reggina per un tempo e 20 minuti. Sulla punizione l’arbitro non aspettava altro che ammonire Barillà, e la dice lunga su come sono preparati contro di noi. Anche i giocatori poi, che nei momenti di euforia si lasciano andare e sostituire Barillà che era già ammonito. Domani vediamo cosa ci sia da fare, dobbiamo ritemprarci. Abbiamo fatto 3 gol ma ne abbiamo subito 4. Abbiamo dimostrato che abbiamo cuore e voglia di combattere. Magari poi in famiglia riesco a ritemprarmi. Vorrei morire piuttosto che soccombere. Con i giocatori abbiamo fatto tutto quello che c’era da fare. Poi i giocatori sono stati, come gli allenatori poco lucidi. Bisogna vedere il fallo di Barillà, con l’arbitro che è stato assediato negli spogliatoi e nella ripresa non aspettava altro di ammonirlo nuovamente. Poi siamo entrati con Barillà che abbiamo spostato in una zona di campo dove è più difficile prendere falli. Quella di oggi è una partita difficilissima, da vincere che perdendo oggi abbiamo una percentuale in meno di centrare l’obbiettivo. Avremmo dovuto essere più attenti a prepararla meglio. Anche alla fine dopo aver raggiunto il pareggio dovevamo coprirci maggiormente. I giocatori ma soprattutto gli allenatori, ma eravamo anche noi presi dalla gara e volevamo vincerla. Anche io sono giù, ma dico che la gente deve crederci e seguirci di più. Probabilmente con il 3-0 di Di Michele l’avremmo vinta, ma oggi dobbiamo rifarci. Potevamo mettere Foglio prima, però Frascatore ci dava più sicurezza dal punto di vista difensivo, e allora Frascatore ci avrebbe dato una mano in più di testa e si poteva portare Barillà in un posto dove doveva evitare certi falli. L’errore principale è non aver sostituito Barillà, non per demerito ma per gli atteggiamenti che avevamo colto dell’arbitro nei suoi confronti. Poi cattivi negli ultimi minuti con una punizione per noi. Forse Lucioni non doveva andare. Ma anche io guardavo verso la porta avversaria. Sugli errori, più che lavorare non si può fare nulla. Devo pensare che abbiamo un bilancio di 2 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, che se non avessimo i punti che abbiamo non sarebbe male. L’organico non è un organico che deve far preoccupare. Non capisco cosa voglia dire avere un organico carente. Se si pesca dalla primavera è chiaro che servono forze in più. Ma oggi rimarcare che l’organico è scarso è sbagliato e poi penso che l’organico sia un organico buono, anche se non attrezzato per recuperare tanto. Se partissimo oggi, l’organico mi permetterebbe di stare tranquillamente a centro alta classifica, ma siccome partiamo da dove partiamo, io ci devo mettere qualcosa in più. Dobbiamo migliorare nei calci piazzati e migliorare nei compiti in fase di palla inattiva. La cosa peggiore è che abbiamo pareggiato con un uomo in meno, e li mandate strali nei confronti di chi doveva dirigere, che invece a provato a vincerla. Dopo l’espulsione andava rinforzato il centrocampo. Noi siamo passati al 4-4-1 forse dovremmo passare al 5-4-0. Era buono anche il 2-1 ma in 11 contro 11. Oggi ha pesato troppo l’uomo in meno. Ma non dimentichiamo che il Varese è una squadra che per tanto tempo era li per andare in Serie A. Ancora dobbiamo lavorare per far maturare i giocatori insieme a noi. Secondo me il fallo da rosso non è fallo, sono entrati tutti sulla palla, lo voglio rivedere. Avevo avuto l’idea di cambiarlo, ma però il giocatore è stato in settimana molto martellato per sue generosità che ci hanno dato qualche dispiacere, e ci è mancato il coraggio di cambiarlo. L’abbiamo messo in mezzo al campo. Ho perso, ma ho ritrovato la squadra. È dispiaciuta, ma unita come non mai. E questo mi piace. Adesso dobbiamo lavorare su quello che manca ai ragazzi, ma mi hanno fatto capire che sono ragazzi che ci credono e ne hanno voglia. Negli spogliatoi ho visto ragazzi piangere e sbattere la testa al muro per la sconfitta. Questo ti fa pensare che da domani dovremo tornare al campo e lavorare per la prossima, nonostante la sconfitta per 3-4. Siamo andati 3 volte a rete, con Maicon che non chiude per due volte sul secondo palo, con Di Michele che sbaglia per un nonnulla. Il Varese ha vinto, ma per qualcuno che mi diceva di attaccare, devo essere contento per come hanno giocato. Strasser? Sarebbe entrato se non ci fosse stata l’espulsione”.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , , , , , , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250