Reggina, iniziata l’Era Atzori 2. Adesso, intorno al Sergente di ferro occorre costruire un esercito valoroso. | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » L'Editoriale

Reggina, iniziata l’Era Atzori 2. Adesso, intorno al Sergente di ferro occorre costruire un esercito valoroso.

Inserito da on 18 giugno 2013 – 11:07No Comment |
Il Sergente di ferro, Gianluca Atzori.

Il Sergente di ferro, Gianluca Atzori.

Con la presentazione ufficiale alla stampa, ieri è iniziata l’Era Atzori 2. Buona l’impressione fatta dal tecnico di Collepardo, apparso con la sua solita voglia, cattiveria e determinazione. Poche parole, concetti semplici e d’immediata comprensione. Indossare la maglia della Reggina nell’anno del Centenario sarà un onore, questo onore spetterà solo a chi dimostrerà d’avere le giuste motivazioni.

Il Sergente di ferro è pronto, adesso gli servono dei soldati valorosi. Costruire l’esercito, tra non poche difficoltà, toccherà alla società. Prima la risoluzione delle comproprietà, dopodiché i movimenti in entrata e in uscita. A meno di clamorosi colpi di scena, dalla risoluzione delle comproprietà dovrebbero rimanere a Reggio il difensore Lucioni e gli attaccanti Fischnaller e Gerardi. Non dovrebbe tornare alla base, invece, Nicolas Viola, mentre è ancora incerto il futuro dell’esterno destro D’Alessandro, in comproprietà con il Genoa. Risolte le comproprietà, spazio ai movimenti in entrata e in uscita. Uno dei primi obiettivi della Reggina si chiama Fabio Caserta, in scadenza di contratto con la Juve Stabia e pronto a coronare il sogno di una vita: indossare la maglia della sua squadra del cuore, per giunta nell’anno del Centenario. Caserta sarebbe la mezzala ideale per il 3-5-2 che Atzori ha intenzione di plasmare. Un centrocampo a tre composto da Caserta, Colucci e Barillà non sarebbe niente male, anzi. Da capire se capitan Rizzato rinnoverà il suo contratto, in scadenza il 30 giugno. Rizzato, per restare a Reggio, dovrebbe accettare una riduzione dell’ingaggio. Atzori lo stima molto, tanto d’aver provato, senza riuscirci, a portarlo con sé prima alla Sampdoria e poi allo Spezia, mentre è molto più difficile, se non del tutto da escludere, il rinnovo di Sarno.

Per quanto riguarda i movimenti in uscita, invece, è ormai cosa nota che la Reggina valuta sempre tutte le offerte che arrivano, nessuno è incedibile. Adejo e Barillà interessano a diversi club, alcuni anche della massima Serie, mentre anche Armellino e Campagnacci sono seguiti con attenzione rispettivamente da Padova e Perugia. Probabile che la Reggina, così come avvenuto due estati fa con Emerson, andrà alla ricerca di un difensore centrale proveniente dalla Lega Pro, così come non sono da escludere prestiti da società amiche come il Milan, il quale lo scorso anno girò in Calabria Ely (potrebbe essere confermato il prestito) e Comi (giocherà con il Novara).

Insomma, ad oggi, per il Campionato di Serie B 2013/2014 la Reggina è un cantiere aperto. La certezza numero uno si chiama Gianluca Atzori, il Sergente di ferro chiamato a condurre un esercito che vuole far sognare i tifosi nell’anno del Centenario. Di Michele e Colucci saranno i soldati di maggiore esperienza, coloro che nel corso della stagione, insieme al Sergente, dovranno trasmettere tranquillità e serenità ai soldati più giovani. La guerra sarà lunga e logorante, per vincerla occorrerà superare 42 battaglie. Il Sergente è pronto, alcuni soldati pure. Il percorso è tracciato, attraverso il sacrificio ed il lavoro si arriverà alla meta. Atzori è intenzionato ad iniziare il ritiro a metà luglio impostando la squadra con la difesa a tre, poi davanti si potrà giocare con due oppure tre attaccanti, ma la base sarà la difesa a tre. Chi scrive non è un amante delle difese a tre, tuttavia, quel che conta sarà la costanza e soprattutto la coerenza. Occorre del tempo e soprattutto della pazienza per costruire l’identità di una squadra. Se Atzori ha deciso di puntare sulla difesa a tre ben venga, lo si faccia con coraggio e determinazione, non si vada in confusione, come avvenuto lo scorso anno, dopo qualche risultato non positivo. Il lavoro che si fa durante l’estate è importantissimo, è la vera base sulla quale si costruisce l’intera stagione. Buon lavoro, mister Atzori!

 

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250