Reggina, contro il Carpi devi vincere! Attenzione però alla frenesia… | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » L'Editoriale

Reggina, contro il Carpi devi vincere! Attenzione però alla frenesia…

Inserito da on 26 settembre 2013 – 10:01No Comment |

1_reggina_grosseto_sudLa vittoria è la miglior medicina per tutti i mali nel calcio. La cerca la Reggina, impegnata sabato pomeriggio al Granillo contro il Carpi di Vecchi. Negli amaranto c’è ancora l’amaro in bocca per la sconfitta di Varese, arrivata al termine di una prestazione positiva nella quale ai calabresi è mancato soltanto il goal. La rabbia aumenta se si considera il fatto che la Reggina ha subito goal sull’unica disattenzione della partita. Il calcio è questo, puoi giocare egregiamente per 90 minuti ma se non la butti dentro serve a poco e alla prima occasione avversaria puoi essere punito.

Nel dopo gara, mister Atzori ha detto che anche attraverso queste sconfitte amare passa la crescita dei ragazzi. Ce lo auguriamo, così come ci auguriamo di non vedere più un attacco che riesce a creare cinque palle goal senza però riuscire a metterne dentro almeno una. Da parte del mister serve maggiore chiarezza, soprattutto per quanto concerne le scelte dei centrocampisti. Il settore nevralgico è quello più delicato per tutto l’equilibrio di una squadra e non può essere continuamente modificato. Atzori deve decidere una volta per tutte se giocare con tre centrocampisti oppure con due. Inoltre, sarebbe il caso di stabilire delle gerarchie. La Reggina ha rincorso per tutta l’estate Strasser, aspettandolo per un mese. Non è il caso di farne un punto fermo della mediana?

Contro il Carpi non si può più sbagliare, la classifica inizia ad essere brutta e lo stesso Giacchetta, ieri, ha affermato che la società si aspettava un inizio di stagione diverso da parte della squadra. Atzori sostiene che a questa squadra mancano in totale 7 punti persi per strada. 2 in casa contro il Bari, 2 contro il Novara e 3 a Varese. La Reggina dunque sarebbe a quota 13 punti, invece la classifica reale segna solo 6 punti, con la media di un punto a partita. Occorre cambiare subito marcia se non si vuole rivivere una stagione avara di emozioni come quella dello scorso anno.

Al Granillo ritorna il Carpi, squadra già affrontata e battuta nel I turno ad eliminazione diretta della Tim Cup 2013/2014. Naturalmente il Carpi non è quello visto all’opera nel mese di agosto. Gli emiliani si sono rinforzati con gli arrivi di Lollo, Porcari, Sgrigna, Mbakogu e Inglese. Atzori conosce bene Lollo e Porcari, per averli già allenati a La Spezia lo scorso anno (Porcari era un obiettivo di mercato della Reggina), mentre Inglese è un attaccante interessante di proprietà del Chievo, sul quale la Reggina aveva manifestato interesse durante l’ultima finestra di calciomercato. In panchina c’è Stefano Vecchi, ex tecnico del Sudtirol, cercato in estate dalla Reggina ma poi non ingaggiato perché ancora troppo giovane e sprovvisto di patentino per allenare in Serie B. Vecchi dispone i suoi con il 4-3-3 o con il 4-2-3-1, il Carpi è una squadra in crescita e martedì sera ha pareggiato in casa contro il Brescia.

La Reggina dovrà cercare d’imporre subito il suo gioco ma attenzione alla frenesia, la quale in questi casi può giocare brutti scherzi. A nostro parere non sarebbe male proporre dall’inizio il 4-2-4 visto all’opera nei secondi tempi di Lanciano e in casa contro la Juve Stabia. Con Cocco e Gerardi in campo dal primo minuto, supportati sugli esterni da Di Michele e Fischnaller la Reggina ha fatto vedere le cose più interessanti in queste prime sei giornate di campionato. Forse anche il 4-2-3-1 sarebbe un buon modulo per questa squadra, la quale in avanti può contare su elementi di qualità e che possono fare la differenza in qualsiasi momento. Occorrerà stare attenti per 90 minuti e soprattutto essere cinici sotto rete. Sabato pomeriggio, al Granillo, tutti gli amaranto saranno sotto esame, nessuno può più sbagliare!  

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250