Foti e Poli due bandiere difficili da ammainare | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » L'Editoriale

Foti e Poli due bandiere difficili da ammainare

Inserito da on 7 novembre 2013 – 15:41No Comment |
Foti presenta l'anno del centenario amaranto

Lillo Foti

Si cercava una settimana tranquilla per la squadra, ma la Reggina riesce sempre a far parlare di sé. Meglio non inoltrarsi nelle motivazioni che hanno indotto Lillo Foti a non confermare sé stesso nell’ultimo consiglio d’amministrazione, almeno non come presidente. Ci basta sapere che la sostanza non cambierà: il generale amaranto rimane lui, e l’amministratore unico Giuseppe Ranieri forse farà capolino solo quando ci saranno da firmare dei contratti.

Difficile immaginare una Reggina priva del proprio leader. Nessuno di noi è eterno, prima o poi Foti entrerà nella “Hall of fame” come unico presidente capace di portare e mantenere a lungo la Reggina in Serie A. La nostra è una generazione che forse non comprende l’importanza di quanto ottenuto negli ultimi 20 anni, in termini di successi sportivi. La storia renderà merito, mentre nel presente le critiche (sacrosante) a volte sfociano nel disfattismo. Probabilmente, il massimo dirigente non è riuscito ad aggiornarsi né a ricreare quel bel clima interno, vissuto nel triennio di Bigon-Cerantola-Mazzarri. Non ha individuato i giusti rimpiazzi, e forse è stato troppo pigro nel cercarli, preferendo talvolta riesumare qualche cariatide (vedi Martino). Rimane però un pilastro, anzi, potremmo dire una bandiera. Se per assurdo, all’orizzonte esistesse un compratore per il club di via delle Industrie, la cosa più intelligente che potrebbe fare è tenere Foti nei quadri, per sfruttarne l’esperienza nelle trattative ed il peso in Lega.

Uno a cui viene sempre tributato un tracimante affetto è Maurizio Poli. Autentico simbolo di quel riscatto sociale reggino, avvenuto tramite il calcio, in una scalata dalla C alla A. Il suo addio, in campo, è forse avvenuto nel momento più fulgido della storia amaranto, ovvero il primo anno in massima serie. Però non è mai uscito dai cuori. Anche Foti deve aver avvertito questo sentimento, ben sapendo che il capitano ha sempre ricambiato l’amore di una città che lo ha adottato. Poli è una bandiera non ammainabile, l’incarico da osservatore premia la sua fedeltà e siamo strasicuri che interpreterà il nuovo ruolo nel migliore dei modi.

Gli allenamenti blindati non ci consentono di capire se la squadra si sia ovattata rispetto a queste notizie ed argomentazioni, riuscendo a trovare quella compattezza che manca sin dall’inizio. Incoraggiamenti e critiche ormai non fanno più effetto, se non scatta un pizzico d’amor proprio potremo dibattere all’infinito sul valore dell’organico. E non capiamo neanche cosa voglia dimostrare l’ex allenatore Atzori, che non si sottrae mai alle interviste post-esonero (a differenza di Dionigi nella passata stagione, o di Pillon attualmente) per ribadire che l’organico non è di elevata qualità. La ragione sappiamo a chi lasciarla, per il momento ci interessa battere il Padova e tirarci fuori dalle sabbie mobili in cui ci ha lasciato la precedente gestione.

Non abbiamo idea di cosa stia provando tatticamente Castori al Sant’Agata, ma riteniamo imprescindibile la presenza di Di Michele in una squadra che fa maledettamente fatica a segnare. L’assenza degli esterni Foglio e Maicon, rivelatisi fin qui unici punti di forza, costituisce un’attenuante per il tecnico, che però deve evitare di crearsi altri problemi da solo. Si è deciso di intervenire sulla preparazione atletica, ma non è detto che si vedano subito i risultati in tal senso. E attenzione alla scelta del portiere.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , , , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250