Unità d’intenti, si, ma allora che ci si venga incontro. Tutti! | InAmaranto.it
Calcio

Tutto il calcio professionistico. Serie A, Serie B, Lega Pro

Basket

Il Basket è da sempre uno sport molto seguito a Reggio Calabria

L'Editoriale

Il commento di In Amaranto alla stagione della Reggina

Notizie

Notizie sugli sport minori e dalle società calabresi

Reggina

News e curiosità sulla Reggina nell'anno del centenario

Home » L'Editoriale

Unità d’intenti, si, ma allora che ci si venga incontro. Tutti!

Inserito da on 7 gennaio 2014 – 16:52No Comment |
Il presidente Foti

Il presidente Foti

La Reggina, nel comunicare l’affidamento della panchina a Diego Zanin, fino ad oggi tecnico della formazione primavera, ha chiesto una unità di intenti tra la società, appunto, lo staff tecnico e i giocatori, oltre che ai tifosi e a tutta la città.

Parole nobili che non nascondono un certo timore per come potrebbe risolversi la questione all’interno della società se non si dovesse raggiungere una difficile salvezza.

Noi crediamo che la scelta di affidarsi ad un tecnico relativamente giovane, ma per questo inesperto, sia dettata prima di tutto dalla difficoltà, anche economica, ad affiancare ai due tecnici (con relativi staff) sotto contratto, un terzo allenatore. Vorrebbe dire svenare le già povere casse societarie, ma è anche vero che la scelta che potrebbe essere importante dal punto di vista dell’entusiasmo che si inserisce nell’ambiente, resta comunque un azzardo dal punto di vista tecnico.

Ricordiamo per un momento con quali parole la Reggina ha comunicato il cambio in panchina: “La Reggina Calcio, in uno dei momenti storici più difficili con l’obiettivo unico di poter dare continuità e mantenere con grande dignità un ruolo sia sportivo che sociale, ha deciso di affidare l’incarico della conduzione tecnica della prima squadra ad uno staff di professionisti legati alla causa amaranto composto da Francesco Gagliardi, Diego Zanin, Giovanni Saffioti e Stefano Grilli. La Reggina Calcio crede che l’unità d’intenti tra società, staff tecnico, atleti, opinione pubblica, tifoseria e la città tutta, possa esserne la spinta concreta e determinante”.

Ecco, la Reggina si affida ad una soluzione interna per provare a risollevare le sorti di una stagione che da potenzialmente trionfale, è diventata triste e infernale. Il “presidente” chiama a raccolta la tifoseria e la città tutta, e lo fa però subito dopo aver annunciato l’annullamento di ogni festeggiamento, privando la città di una gioia che avrebbe per una sera potuto far dimenticare le pene sportive e far tornare alla mente i fasti del recente passato. Inoltre, ne siamo convinti, festeggiare il centenario non avrebbe intaccato quella che è la concentrazione di giocatori e tecnico in vista della ripresa del campionato.

Adesso la palla passa alla Reggina. Dimostri Foti, il modo concreto in cui vuole chiamare a raccolta i propri tifosi e concittadini. Lo faccia non a parole, che comunque servono per dire a tutti quali sono i motivi per cui sono state prese alcune decisioni e perché si è ritenuto poi di dover fare un passo indietro, ma con atti concreti che facciano tornare la gente allo stadio. E non da ultimo, interrompa il silenzio dei suoi, che dura da troppo tempo e non fa che allontanare la Reggina dalla sua Reggio.

Leggi anche

Commenta

commenti

Tags: , , ,

Vincicasa standard Image Banner 300 x 250