Reggina a testa alta, eliminata da un Milan superiore. Dionigi non ci sta e recrimina per gli episodi

Reggina che esce sconfitta da S. Siro, come ci si aspettava, anche se non era scontato che la formazione di Mister Dionigi esprimesse il gioco del primo tempo. Secondo tempo che ha visto una crescita netta del Milan che, più con le proprie individualità che con il gioco espresso, ben contenuto dalla Reggina, ha messo in difficoltà i difensori amaranto.

Amaranto che escono quindi dalla competizione a testa alta e con un ritrovato Facchin, che con i suoi interventi ha tenuto in gioco la Reggina per 80 minuti, fino al raddoppio del Milan con Niang a cui è poi seguito il gol, in fuorigioco, di Pazzini.

Nel dopo partita Dionigi parla di gol in fuorigioco da parte di Pazzini e di fallo su Hetemaj che ha viziato il loro gol del raddoppio, ma onestamente, soprattutto pensando alla prestazione di Facchin, non possiamo non notare che le numerose occasioni del Milan del secondo tempo e la mancanza di un punto di riferimento in avanti hanno fatto si che i rossoneri potessero pensare soltanto alla fase offensiva, senza doversi di contro preoccupare delle puntate offensive degli amaranto. Perché non far entrare Viola quando sono usciti Campagnacci e Fischnaller? Non che questo avrebbe potuto cambiare il risultato finale, ma forse si sarebbe impensierito maggiormente il Milan e, perché no, portato a casa almeno un gol da S. Siro. Dionigi conferma che rifarebbe la scelta di lasciare a Casa Comi, Ceravolo e Sarno, in funzione del campionato e della classifica deficitaria che non consente distrazioni e l’uso oltremisura dei giocatori della rosa amaranto.

Nel complesso la Reggina è stata comunque positiva, per almeno una frazione di gioco ha tenuto testa al Milan, e ha dimostrato che questi ragazzi, hanno dimenticato le distrazioni della parte iniziale del campionato, e nn rinunciano mai a giocarsela, palla al piede, contro qualunque avversario.

Adesso lunedì si dovrà dimostrare, nel posticipo contro il Cittadella, che quanto espresso nei primi 45 minuti di questa partita è ciò che questa squadra può dare con più continuità e maggior convinzione sotto porta.