La Reggina espugna Reggio Emilia, prima vittoria in trasferta

Di Alessandro Crupi – La Reggina finalmente vince e convince. Convince perché gioca bene in tutti e tre i reparti e piazza nel finale la stoccata decisiva della vittoria con Nicola Bellomo ottenendo il primo trionfo esterno in questo travagliato Campionato di Serie B. Ma che fatica per arrivare alla rete. Del resto una squadra che, eccetto Vasic in panchina, si è presentata a Reggio Emilia senza attaccanti centrali di ruolo non aveva molte frecce al proprio arco da poter vantare per offendere. Ma questa volta gli episodi hanno girato nel verso giusto e in un finale di partita contraddittorio ed emozionate è giunto un successo che, dopo l’espulsione di Stavropoulos, sembrava ormai fuori dalla portata degli amaranto di Marco Baroni.

Ma è arrivato ed è ciò che conta, tra l’altro strameritato per quello che ha fatto vedere la Reggina nell’arco di tutto il match. Una squadra quella amaranto che ha dominato la Reggiana, soprattutto nel primo tempo, andando vicina alla marcatura in molte circostanze, soprattutto con Rigoberto Rivas il quale si è letteralmente divorato due reti, tra primo e secondo tempo. Ben messa anche a centrocampo e in difesa con il 4-2-3-1, la squadra ha legittimato la vittoria restando sempre attenta in fase di copertura e giungendo sempre con molta semplicità dalle parti dell’estremo difensore emiliano Cerofolini. Fin dai primi 45′ la Reggina non ha praticamente concesso nulla alla Reggiana e, per la prima volta da tante giornate, non ha commesso gravi sbavature. Il goal di rabbia e insistenza di Bellomo sul finale è stato il logico sbocco di una partita che, nonostante una palese superiorità di fondo, sembrava stregata per gli amaranto.

Le assenze dei cosidetti “animali d’area” praticamente tutti acciaccati si stanno facendo sentire in precisione e cattiveria sottoporta. Ma oggi, come contro il Vicenza, era fondamentale ottenere i tre punti in qualunque modo possibile. E il successo odierno è importantissimo per fare morale, allontanarsi un po’ dalle zone calde e iniziare ad intravedere la luce. Adesso, però, bisogna dare continuità immediata già a partire dall’incontro al “Granillo” con la Cremonese.

La cura Baroni ha dato alla Reggina una maggiore sicurezza e incisività partendo da un modulo più convenzionale e meno estremo, scelto sulla base dei calciatori in rosa e delle situazioni contingenti di un’infermeria sempre troppo attiva. Lo scontro con i lombardi della Cremonese in riva allo Stretto mercoledì alle 15 è un’opportunità di rilancio da non perdere.

Il tabellino dell’incontro:

REGGIANA-REGGINA 0-1

REGGIANA (3-4-1-2): Cerofolini; Gyamfi, Costa, Martinelli (90′ Martinelli); Cambiaghi (81′ Voltan), Muratore, Varone, Kirwan (62′ Germoni); Radrezza; Kargbo, Mazzocchi (62′ Zamparo). A disposizione: Voltolini, Venturi, Zampano, Pezzella, Libutti, Marchi, Gatti. Allenatore: Alvini.

REGGINA (4-2-3-1): Guarna; Delprato, Loiacono, Stavropoulos, Di Chiara; Bianchi (87′ Cionek), Crisetig; Situm (79′ Rolando), Folorunsho, Liotti (62′ Bellomo); Rivas. A disposizione: Farroni, Plizzari, Gasparetto, Peli, De Rose, Marcucci, Mastour, Vasic. Allenatore: Baroni.

Arbitro: Daniel Amabile di Vicenza – Assistenti: Enrico Caliari di Legnago e Vittorio Di Gioia di Modena. Quarto uomo: Lorenzo Illuzzi di Molfetta.

Marcatori: 88′ Bellomo (R).

Ammoniti: Stavropoulos (R).
Calci d’angolo: 4-8.
Recupero: 0′ pt, 4′ st.

Un pensiero su “La Reggina espugna Reggio Emilia, prima vittoria in trasferta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *