Reggina, contro l’Ascoli per vincere. Si torna in campo martedì…

La Curva Sud

Arriva l’Ascoli. Contro i bianconeri, gli amaranto, al Granillo, in Serie B, non hanno mai vinto. Soltanto pareggi ed una vittoria ascolana l’1 maggio 2010.

E’ ora di cambiare la tendenza! E’ necessario farlo non tanto per le statistiche ma per la classifica. La Reggina, oggi, è penultima a pari punti con l’Empoli. Battere i marchigiani, dunque, diventa un’esigenza. Al Granillo, gli amaranto, devono costruire il loro campionato. Non vincere partite casalinghe come questa di sabato, sarebbe un grosso problema, a maggior ragione se si tiene conto del fatto che poi, gli amaranto, torneranno in campo subito martedì 30 ottobre a Castellammare di Stabia per il II turno infrasettimanale del campionato, contro una squadra che al momento si trova in piena zona playoff e che ha ambizioni importanti. Da queste due partite, la Reggina deve assolutamente cercare di ottenere almeno 3-4 punti, altrimenti, saranno problemi seri. Due partite ed anche il mese di ottobre andrà in archivio…

Contro l’Ascoli, bisogna ripartire dal secondo tempo di Cesena. Mancheranno per squalifica Di Bari, al suo posto dovrebbe giocare Bergamelli, ed Alessio Viola (infortunato). Lo abbiamo già detto in altre occasioni, a nostro parere, la Reggina non può permettersi di tenere in panchina calciatori di qualità come Sarno e Comi. Siamo convinti che questa squadra, pur non essendo composta da fenomeni, ha buoni calciatori. Alla loro qualità non bisognerebbe mai rinunciare, soprattutto in nome di uno schieramento tattico (l’orribile 5-3-2) che con il gioco del calcio ha davvero poco a che vedere. La Reggina, con il modulo alla Dionigi (3-4-3 o 3-4-1-2) può far male a qualsiasi avversario. Lo si è visto a Cesena nella ripresa. La squadra ha ormai raggiunto alcuni equilibri e dimostra dunque di poter sostenere il tridente in campo, senza rischiare eccessivamente in difesa. Sabato pomeriggio, ci auguriamo di vedere gli amaranto schierati con Sarno, Comi e Ceravolo dal primo minuto.

L’Ascoli di mister Silva, invece, solitamente si schiera con il modulo 3-5-2, affidandosi alle giocate degli attaccanti Zaza e Feczesin. Tra i marchigiani, oltre allo squalificato Peccarisi, mancherà sicuramente per infortunio l’attaccante Soncin, un’assenza importantissima, visto che si tratta di uno di quegli attaccanti che hanno dimostrato di avere il piede molto caldo in questa categoria e probabilmente anche il centrocampista Russo. L’Ascoli è una buona squadra, ha calciatori importanti per la categoria, come il portiere Guarna, a lungo corteggiato dalla Reggina, il difensore Vasco Faisca ed il centrocampista Loviso. I marchigiani vengono da una sconfitta pesante, rimediata per 2-4 tra le mura amiche proprio contro la Juve Stabia, prossima avversaria della Reggina. La squadra di Silva, al Granillo, venderà cara la pelle. Non sarà facile, mister Dionigi questo lo sa bene.

Al Granillo, dunque, andrà in scena un confronto importante tra due squadre che sicuramente non si risparmieranno dal primo all’ultimo minuto di gioco. Alla fine, partite come queste, potrebbero risultare “bloccate” e solo l’invenzione di un singolo potrebbe risolverle. I dettagli faranno la differenza, -2 giorni e sarà Reggina vs Ascoli.