Reggina, contro il Varese o si rinasce o si muore!

Adejo durante Reggina vs Ascoli di sabato scorso

Neanche il tempo di metabolizzare la sconfitta di martedì sera a Castellammare di Stabia che la Reggina, sabato pomeriggio alle ore 15:00, sarà nuovamente in campo, al Granillo, per affrontare il Varese di mister Castori.

Una partita importantissima e delicatissima. Gli amaranto sono penultimi in classifica a pari punti con il Lanciano. Perdere, significherebbe sprofondare ulteriormente in zona retrocessione. La Reggina, che pur non è una corazzata, tuttavia, a questo punto della stagione, non dovrebbe trovarsi nella posizione in cui invece si ritrova. Occorre assolutamente vincere! Anche un pareggio, lo diciamo chiaramente, servirebbe davvero a ben poco. Dopo la convincente prova di sabato scorso contro l’Ascoli, martedì, invece, in Campania, gli amaranto hanno offerto una prestazione imbarazzante. Al di là degli errori arbitrali, uno dei quali è costato l’allontanamento di mister Dionigi per proteste dalla panchina (tuttavia il tecnico non è stato squalificato), a Castellammare la Reggina non ha giocato a calcio. Nessuna conclusione a rete, nessun cross dalle fasce. Far male all’avversario, in questo modo, diventa davvero impossibile. Possibile che in due soli giorni la squadra sbarazzina vista all’opera contro l’Ascoli sia svanita nel nulla?

Molto scelte di Castellammare non ci sono piaciute. Capiamo benissimo che, vista la vicinanza degli appuntamenti, il mister sia comunque costretto a fare un po’ di turnover, ma la squadra mandata in campo al Menti è una squadra davvero priva di qualità e senza un minimo di qualità, nel calcio, non si vince. Ci auguriamo che già da sabato si possa riammirare la squadra vista all’opera una settimana fa, con Sarno, Comi e Ceravolo in campo dal primo minuto. Questa Reggina non può prescindere da questi tre elementi. Rinunciare ad essi vuol dire andare incontro a delle magre…

Contro il Varese, mister Dionigi avrà l’opportunità di schierare il miglior undici possibile, infatti, non ci saranno squalificati tra gli amaranto, mentre, tra i varesini, per squalifica mancheranno Corti e Kink. Dal Braglia, l’unica nota positiva si chiama Lucioni, il quale, schierato dal primo minuto dopo l’infortunio rimediato durante il ritiro estivo, ha dimostrato di essere un difensore con grande carisma e personalità. Un trio composto da Adejo, Ely e Lucioni non è niente male. Mancherà nuovamente, per infortunio, capitan Rizzato; al suo posto, ad oggi, l’unica alternativa valida è Barillà, anche se, il mancino di Catona, negli ultimi anni agisce più da mezzala che da esterno sinistro. Ipotizzabile rivedere all’opera il 3-4-1-2 dall’inizio.

Mister Castori, invece, a forte rischio esonero in caso di risultato negativo al Granillo, solitamente si affida al modulo 4-4-2 e si affida ai numeri di Giulio Ebagua, fortissimo attaccante italo-nigeriano a lungo seguito dalla Reggina proprio durante l’ultimo calciomercato estivo. Il Varese arriva in Calabria dopo aver pareggiato in casa per 1-1 contro il Vicenza, un risultato che non è stato molto gradito dalla dirigenza lombarda, la quale tiene sotto stretta osservazione l’operato del tecnico.

Al Granillo, dunque, andrà in scena una vera e propria battaglia. Tra Dionigi e Castori, chi perde, rischia di veder saltare la propria panchina. Dirigerà la gara il Sig. Gianluca Manganiello di Pinerolo.