Dai campi caldi ed in terra battuta, ai palcoscenici della serie A.

Riceviamo e pubblichiamo – Ieri per me è stata una tra le più belle giornate degli ultimi anni. Rivedere tutti assieme gli amici del curva con cui abbiamo diviso gioie e dolori per la nostra sempre amata Reggina è un’emozione che conserverò per lungo tempo.

Abbiamo voluto che questa serata si realizzasse e con tenacia siamo riusciti ad organizzarla nel migliore dei modi. Bastava poco per renderci felici. Rivedersi assieme e ricordare anche con le vecchie foto, tanti e tanti chilometri per la nostra amata squadra ci ha ripagato di tanti sacrifici. Giornata passate a realizzare uno striscione a confrontarci e discutere in che modo potevamo aiutare e dare forza agli 11 amaranto. Tempo ne è passato, ma ieri non sembrava proprio. Lo spirito era quello di sempre. Un gruppo di amici che lottava per un’idea. Adesso gran parte di noi ha famiglia, figli e responsabilità. Ma la serata di ieri, che spero si possa ripetere, è servita ad abbracciarci e stringerci come facevamo un tempo. Quando ci emozionavamo per un gol e per essere riusciti ad incitare i nostri beniamini. Ero felice per aver rivisto tutti quanti, purtroppo qualcuno ci ha lasciato ed altri sono stati costretti a lasciare la nostra terra. In una sera mi sono tornate indietro un pò tutte le trasferte. Dai campi caldi ed in terra battuta in cui abbiamo rischiato la nostra pelle, ai palcoscenici della serie A. Voglio solo dire grazie a chi ieri era con noi ed a tutti quelli lontani dalla nostra Reggio che lo sono stati con il cuore.

Giuseppe Lacaria

Guarda le foto della serata: